La Scalata e il trekking sull’Isola di Tavolara

 

L’Isola di Tavolara è una vera e propria montagna calcareo-dolomica che domina tutto il Golfo di Olbia; la sua cima più alta, Punta Cannone (564 metri), ci regala una panoramica di tutta la Gallura permettendoci di avvistare il Monte Limbara, Monte Nieddu, Montalbo..spaziando sino a Caprera e le Bocche di Bonifacio. Esiste la possibilità di visitare l’isola con un trekking mediamente impegnativo che non prevede l’utilizzo di imbragature, kit da ferrata e casco; ma la vetta dell’isola può essere raggiunta in due modi: un primo modo è quello di affrontare un piccolo percorso attrezzato con cavo di acciao (EEA), il secondo è quello di affrontare un ben più difficile percorso attrezzato denominato ‘Via degli Angeli’.

Qui di seguito spiegheremo nel dettaglio il percorso (EEA) che permette di raggiungere la vetta di Punta Cannone utilizzando il percorso attrezzato più semplice adatto anche a chi non hai mai indossato l’equipaggiamento tecnico (kit da ferrata imbrago e casco). Potete dare un occhio a questo articolo su cos'è e come affrontare una Via Ferrata visitando il sito della Via Ferrata Cabirol.

ATTENZIONE: chi volesse affrontare i percorsi EEA non deve assolutamente soffrire di vertigini

 

Il percorso attrezzato (EEA) - variante semplice

 

Il percorso attrezzato EEA ha inizio dalla spiaggia dello Spalmatore di Terra situata all’estremità occidente dell’isola di Tavolara. Da qui parte il sentiero che, evitando l’area militare, costeggia la costa in direzione est muovendosi vicino ai vecchi forni di calce. Prima di raggiungere Punta La Mandria (estremità sud dell’isola) intersecheremo e prenderemo una diramazione che conduce nella fitta macchia mediterranea sino ad arrivare sotto la prima cengia rocciosa che superiamo attraveso una scala creata con un ginepro. Camminando tra le due grandi cengie rocciose iniziamo ad ammirare il panorama attorno a noi raggiundendo, in circa un'ora e trenta di cammino, la base della valle denominata 'bocca del cannone'.

 


 

Per raggiungere il vero e proprio prato erboso della valle dobbiamo indossare imbrago, casco e kit da ferrata per affrontare un primo piccolo segmento di percorso attrezzato (EEA) che ci permette di superare in totale sicurezza un punto sulla parete esposto (strapiombante). Attraversiamo ora la bellissima Bocca del Cannone e risaliamo lungo un costone apparentemente inaccessibile che domina le bianche falesie calcaree..

 


 

Una volta superato l'ultimo piccolo segmento attrezzato con cavo d'acciaio possiamo finalmente raggiungere la vetta dell'isola Punta Cannone (564 metri). Dal punto più alto di Tavolara si può osservare un panorama strepitoso che ci ripaga della fatica: a sud ammiriamo Molara, Capo Coda Cavallo e San Teodoro; a ovest tutto il Golfo di Olbia sino al Monte Limbara; a nord Capo Ceraso, Capo Figari sino ad arrivare a Caprera e la Corsica; a est le creste e il mare blu. Sulla punta dell'isola troveremo la Madonnina di Tavolara che veglia sugli escursionisti e sui naviganti, non ci rimane altro che lasciare una dedica sul libro di 'via' posto in vetta, pranzare e rilassarci immersi nel blu del mare...

 


 

Scheda tecnica:

Totale chilometri: 6,2 chilometri

Totale dislivello: 600 metri

Durata: escursione giornaliera

Equipaggiamento: scarpe/scarponi da trekking, zaino

Equipaggiamento tecnico: casco, imbrago e kit da ferrata fornito da noi

Pranzo al sacco: acqua e panini

Acqua: nei mesi estivi minimo 2 litri a persona

Cosa portare: occhiali da sole, crema solare, cappellino/bandana

 

Info e prenotazioni:

Mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mob: +39.333.68.98.146

 

Seguici su:

https://www.facebook.com/thinkingsardinia https://www.tripadvisor.it/Attraction_Review-g187883-d8093471-Reviews-Thinking_Sardinia_Day_Adventures-Olbia_Province_of_Olbia_Tempio_Sardinia.html https://plus.google.com/b/106810377936426359008/+ThinkingsardiniaTravel/posts